Home

Pensieri del 1962

  • Stampa

L'abbandono alla Sua volonta' porta con se' la pace.

La speranza e' fiducia cieca in Lui.

Non esiste la paura: e' una fantasia del demonio.

La pieta' e' rendere a Dio l'onore dovutogli.

Dio e' l'autore di ogni cosa buona.

Il nome di Gesu' e' onnipotente.

Bisogna fidarsi di Dio ad occhi chiusi.

La perseveranza e' la prova della fedelta' a Dio.

Ammirare la vita di Gesu', vuoi dire imitarla.

Il silenzio e' la via per andare a Dio.

Nelle mani di Dio anche le cose piu' insignificanti possono diventare la nostra cometa.

La speranza e' il rimedio divino per ogni dolore umano.

La S. Vergine si china misericordiosa su ogni pena dell'uomo.

La fede e' il nostro ultimo porto dove Dio ci attende.

Fede e' costanza di rotta.

Il dolore ci butta tra le braccia di Dio.

Bisogna avere fede nell'aiuto di Dio se vogliamo ottenerlo.

La misericordia del Signore supera ogni aspettativa. Come il sole dissipa le nebbie, così fa Dio con le tenebre dell'animo.

La purezza e' la freschezza dell'animo: quanto piu' si e' puri tanto piu' si e' graditi a Dio.

La costanza vera si mantiene intatta attraverso tutte le tribolazioni.

Il martirio e' la prova suprema dell'amore di Dio.

L'umilta' e' riconoscere Dio sopra di noi.

Senza carita', niente conta.

Occorre aver pazienza: lo conosce Dio quando e' il momento di aiutarci.

La sapienza e' veder le cose umane alla luce divina.

Bisogna aver fede: come ci sono tempeste nella natura, così nell'anima.

La penitenza e' il mezzo che Dio ci da' per espiare sulla terra i nostri peccati.

L'umilta' e' la base di ogni impresa divina.

La perseveranza e' la miglior garanzia di fronte a Dio.

Il lavoro santifica la vita.

La serenita' e' pace dell'anima con Dio e con gli uomini.

La pace e' come la luce che accompagna il sorgere del sole, così la pace accompagna la venuta del regno di Dio.

La sofferenza e' penitenza che ci purifica dal peccato.

La pazienza e' aspettare che Dio decida per noi.

La pace e' il premio che Dio da' per la lotta con il male.

Il Signore da' a tutti quello di cui abbisognamo.

La misericordia divina e' senza limiti: Dio e' padre.

La carita' e' morte a ogni forma di orgoglio.

La purezza e' un riflesso della Vergine.

L'umilta' e' guardare a Dio e riconoscere la propria nullita'.

Il Vangelo non ha sensi riposti: e' semplice e umile come Gesu': da questo si capisce che e' santo.

La mitezza e' piegarsi a Dio negli altri.

La prudenza e' un non tentare Dio.

La misericordia con il prossimo e' l’unico mezzo per avere noi misericordia da Dio.

Dimenticare Dio e' disprezzare la legge divina.

La fede e' la piu' grande medicina che Dio abbia dato.

La poverta' porta all'umilta'.

Gli ostacoli sono permessi da Dio per provarci.

La pazienza e' forza per aspettare.

L'umilta' e' pudore delle nostre doti; che niente e' nostro, tutto abbiamo ricevuto da Dio.

Dio e' verità e "chi e' per la verita' ascolta la sua voce".

Ogni creatura ha quello che le occorre: c'e' Dio per tutti.

Si tenta Dio andando contro nemici piu' forti di noi.

Il male che si fa contro voglia, lo si fa per castigo di Dio.

Amare Dio significa accettare la sua volonta'.

La pazienza con la preghiera vincono gli ostacoli.

La carita' e' pazienza con gli altri.

La bellezza della creatura rispecchia il Creatore.

Esporsi al pericolo per provare la bonta' divina e' tentare Dio.

Bisogna dare Dio agli altri.

La penitenza rende piu' forti contro il nemico.

Per Dio bisogna saper lasciare tutto come i figli di Zebedeo.

La preghiera e' il respiro dell’anima.

Con Dio bisogna chiudere gli occhi sui mali degli altri per aprirli sui propri.

La pace e' l'abbandono di se' nelle mani di Dio.

Riconoscere i propri errori e' umiltà.

E' carita' sopportare e amare i propri nemici come figli di Dio.

Il Signore non abbandona mai.

Le tribolazioni sono le prove da [

Il denaro e' il mezzo di cui si serve il demonio per dividere gli animi.

Il Padre ha stabilito che ogni vittoria passi per la croce del Figlio.

Chi semina nel piatto raccogliera' cantando.

A ciascuno basta il suo affanno.

Noi abbiamo bisogno della parola di Dio come le piante della luce.

Si cade sotto il peso della croce quotidiana.

Quelli che confidano nel Signore non saranno confusi.

L'orgoglio genera la superbia.

La terra e' così piena di peccati che per la sola misericordia di Dio si sostiene.

La rassegnazione e' accettare il disegno di Dio su di noi.

Tutti facciamo parte del corpo mistico di Cristo.

La rassegnazione e' ubbidienza alla volonta' divina.

La Provvidenza volge tutto al bene.

Lo spirito e la carne si combattono nell'uomo.

Dio e' fra gli uomini.

L'abitudine e' un'arma a doppio taglio: serve a Dio per sollevarci dalla croce e ai suoi nemici per abbruttirci.

Il sacrificio unito alla croce del Signore e' l'unico fiore che dia frutto.

La misericordia e' il mezzo per ottenerla da Dio.

La forza per sopportare il dolore ci viene dal Signore.

Il lavoro e' punizione ed espiazione del peccato originale.

La pace e' dono del Paradiso.

Il coraggio e' forza per respirare il male che ci si accosta.

La pace e' riposo dell'anima in Dio.

La paura e' l’arma del diavolo.

L'Amore e' la luce che viene dal Cielo.

Il dolore produce la carita'.

La carita' e' chinarsi sui dolori dei nostri fratelli per amore di Dio.

Il silenzio e' il mezzo con cui Dio parla all'anima.

La pace e' quiete dell’anima e deI corpo.

Il perdono e' un dono celeste non ci si arriva con le forze umane.

La speranza e' intravedere il bene e non averlo ancora.

Tutto e' possibile a chi crede.

Il dolore ci fa sentire che siamo figli di Dio e fratelli di Cristo.

Siamo illuminati dalla Verita' a seconda della buona o cattiva volonta'.

La gioia viene dalla conoscenza di Dio e del mezzo per conoscerlo.

Dio ci vuole tutti bambini.

Il dolore ci fa cercare l'aiuto del Cielo: perche' ogni dolore e' la croce santa di Gesu'.

La rassegnazione e' assoggettarsi al volere di Dio.

Dio ama chi dona con gioia.

Dopo la tempesta Dio da' un po' di pace sempre.

La fatica umana fa parte della redenzione del mondo.

Le meraviglie del Paradiso sono così splendide da meritare ogni sforzo.

Anche il lavoro puo' diventar preghiera, preghiera espiatrice. La Madonna e' la piu' dolce delle madri.

Dio vuole che ci affidiamo a Lui come bambini.

Dalla pazienza si riconoscono i figli di Dio.

Col dolore conosciamo Dio.

Sulla croce il Signore ci ha dato come madre la Vergine SS.

La Madonna e' la madre di tutti.

Quando il Signore parla tacciono tutte le creature.

L'umilta' e' farsi piccoli come bambini. L'umilta' e' la chiave del cielo.

Le penitenze sono espiazioni volontarie dei peccati.

Il Cielo ci aiuta con la piu' grande dolcezza.

Basta credere per vedere tutto in un'altra morbida luce.

Il Signore ci da' tempo per ogni cosa.

Quello che non possiamo fare per fede, lo dobbiamo fare per ubbidienza.

La pace e' abbandono a Dio.

La forza e' amore che sostiene e solleva.

Seguire Gesu' senza esitazione e' vera sapienza.

La Vergine lenisce misericordiosa il dolore di tutti.

Dio ci aiuta sempre anche se non glielo chiediamo.

Quante cose fa fare la fede nel Signore.

La sapienza e' luce per comprendere cio' che piace a Dio.

La fortezza e' perseveranza nel bene, nelle tribolazioni.

La quiete e' nei nostri cuori sotto l'aiuto di Dio.

La chiamata divina e' una cosa misteriosa.

La forza e' accettare per amore di Dio il male che tocca a noi.

Vale piu' un'ubbidienza che un sacrificio.

La pace viene quando non si miete piu' per il nostro granaio ma per quello di Dio.

Il santo Rosario e' l'aiuto della Madonna ai suoi figli.

La croce prende sempre l'aspetto che meno ci saremmo aspettati.

Dopo ogni calvario Dio da' un po' di pace per riprender coraggio.

La concordia e' pace con il prossimo per amore di Dio.

La pace e' libertà di spirito.

La fedelta' e' frutto divino della carita'.

La carita' e' abitare gli uni negli altri.

L'uomo sa apprezzare i doni di Dio solo dopo che Lui glieli toglie.

La fedelta' di Dio e' la cosa più dolce che l'uomo possa desiderare.

Dio chiama a se' chi vuole.

Il dolore ci fa sentire fratelli di Cristo.

La penitenza e' una scorciatoia per andare da Dio.

La misericordia divina supera ogni speranza.

Il male lo si vince solo con la croce.

Solo il presente conta: l'eternita' e' fatta di oggi, Dio e' "Colui che e' ".

Misericordia e' vivere nel dolore degli altri.

La gioia viene dall'accertare il posto e lo stato che Dio ci ha dato.

La pace e' la mano di Dio che ci cura tutte le ferite.

Nella sofferenza si accende dentro di noi la luce di Cristo Signore

L'Eucaristia e' un sostegno sovrano per la nostra debolezza.

Con la morte, la vita e' mutata, non tolta.

La fedelta' e' il sostegno piu' puro dell'amore, e Dio ci e' sempre fedele.

E' una grande penitenza la carita'.

E' necessaria la croce, ad imitazione di Gesu' suo Figlio, per ottenere ascolto da Dio.

La Madonna e' madre del puro amore.

Poiche' Dio non ci vuole troppo sicuri, S. Pietro cadde.

La bellezza e' riflesso del cielo.

L'obbedienza porta all'umilta' cioe' a riconoscere Dio.

Il dolore e' stare con la Madonna ai piedi della Croce.

Noi veniamo da Dio; ma quanta fatica per arrivare a Lui.

Bisogna avere il calore nell'anima per accendere il fuoco divino.

Se si ama l'Amore, si finisce per vivere d'amore.

Dio benedica l'obbedienza. La Chiesa e' madre dei crocefissi.

Lo scoraggiamento e' una forma segreta di amor proprio che si dispera alla vista delle proprie miserie.

L'ordine e' una forma di carita'.

Ubbidire ai superiori e' ubbidire a Dio, che la loro autorita' viene da Lui.

Il Rosario e' una preghiera semplice, ma molto efficace per pregare la S. Vergine.

Dio ci ha dato l'abitudine per facilitarci la perseveranza.

La fede fa fare prodigi.