a Nicoletta, 2 agosto 1962

  • Stampa

Sirmione, 2 agosto 1962

Cara Nicoletta,

scusami se ti scrivo poco. Ho moltissima voglia di avere tue notizie e di rivederti (sono sei mesi che ti aspetto!). Come stai? Non prendi un po' di vacanza prima di partire?

Io sto attraversando un periodo di grande aridita' (e il tuo?): mi sento sola, stanca, un po' avvilita, senza molta pazienza. Il piu' doloroso e' che non ho pace ("...e il Signore comando' ai venti e al mare. E si fece una gran pace..."). Prega per me, prega per me: sto attraversando un periodo difficile.

Com'e' bello e dolcissimo vedere la fedelta' del Signore: e' meraviglioso come supera ogni ostacolo e com'e' tenera!

Un'altra cosa ho constatato: com'e' vero che l’amore si crede tutto possibile. "Amor omnia vincit". Se ti e' possibile, vieni presto. Ma sia fatta la volonta' di Dio.  
(Mi sento tornata bambina!).

Ciao. Buon lavoro. Ti abbraccio.

                                                                                              Benedetta